Passa ai contenuti principali

La Letteratura italiana vista dagli stranieri

Enciclopedia della Letteratura italiana Oxford-Zanichelli a cura di Peter Hainsworth e David Robey, Zanichelli, 2004.
La particolarità dell’'Enciclopedia della Letteratura italiana pubblicata dall’'editore Zanichelli è presto detta: le 2400 voci che la compongono sono state redatte da oltre 150 collaboratori in massima parte di nascita non italiana. Infatti, quella della Zanichelli è la traduzione del The Oxford Companion to Italian Literature che la Oxford University Press ha pubblicato nel 2002. Ecco, allora, che tale enciclopedia guarda alla Letteratura italiana da un punto di vista diverso da quello al quale, di solito, il lettore italiano è abituato: il punto di vista dello studioso straniero che spiega ai propri lettori non italiani la Letteratura italiana. E, come la linea editoriale degli Oxford Companions impone, lo studioso immerge i propri studi letterari in un più vasto interesse per gli avvenimenti culturali, storici, artistici per ridare al lettore il senso della complessità della creazione letteraria. 
Oltre alle voci dedicate agli autori (grandi e meno grandi, a partire dalla letteratura medioevale fino a giungere ai giorni nostri), compaiono quelle dedicate ai libri più importanti della nostra storia letteraria, ma anche ai generi letterari (non escludendo quelli minori come quello dei Libri di cucina), alle riviste, alle case editrici e a tematiche generali come l’'Erotismo e la pornografia o l’'Omosessualità.
Per il lettore italiano questa enciclopedia può essere senz’'altro utile per farsi un'’idea più sicura e precisa di cosa sia stata (e di cosa ancora sia) la nostra letteratura, facilitato proprio dall’'inusuale punto di vista e dal diverso metodo di studio adottato all’'estero.
Ecco, allora, che – tanto per fare degli esempi, in questa enciclopedia letteraria fanno la loro comparsa lemmi dedicati alla Mafia (il cui termine compare in letteratura per la prima volta nel titolo di una commedia dialettale del 1863 di Gaspare Mosca e Giuseppe Rizzotto, I mafiusi di la Vicaria) o all'’Esilio. Non stupisce, allora, che la voce in assoluto più lunga di tutta l’'enciclopedia sia quella dedicata alla Teoria della letteratura: spiegano i curatori, infatti, che se è vero che «la produzione letteraria presuppone [...] una qualche relazione fra l’'idea di cosa la letteratura dovrebbe essere e la concreta pratica artistica, [...] nel caso della letteratura italiana la teoria ha giocato un ruolo particolarmente importante». Una constatazione che deve far riflettere...

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.