Passa ai contenuti principali

La potenza delle immagini

Nel 1931, a ventinove anni, il poeta spagnolo Luis Cernuda (1902 – 1963) ebbe un’intensa e tormentata storia d’amore con Serafín Fernández Ferro, autodidatta figlio di operai, il quale, a detta di García Lorca, possedeva un «sorriso leonardesco». Sotto l’impulso della tormentata relazione, Cernuda scrisse le poesie e le prose ritmiche che compongono il libretto I piaceri proibiti
Va detto, con tutta onestà, che non siamo di fronte a un capolavoro assoluto della poesia, ma anzi, a delle poesie che, spesso, lasciano alquanto perplessi per la loro “freddezza”: si è lontanissimi da un tipo di poesia “calda” in cui l’erotismo entra prepotente e le immagini si fanno sensuali come ci si aspetterebbe da un poeta che scrive nel momento stesso in cui è travolto da una passione ardente e che titola il proprio libro I piaceri proibiti… 
Proprio tale titolo mette il lettore in attesa di un certo tipo di immagini “solari” (gli amori del titolo, benché “proibiti”, in quanto di tipo omosessuale, sono pur sempre definiti “piaceri”) che non trova, poi, nei versi del poeta; versi a volte di difficile comprensione perché rimandano a un tipo di poesia (quella surrealista) che, tra i propri obiettivi, non ha certo quello di rendersi completamente comprensibile al fruitore. 
Eppure, nonostante quanto finora scritto, alcuni dei versi e delle prose ritmiche de I piaceri proibiti si impongono alla memoria del lettore moderno per la potenza visiva delle immagini, le quali, spesso, evocano situazioni violente e stati di disagio mentale e sociale. Vale la pena riportare alcune di tali immagini, pescando qua e là:

corpi che gridano sotto il corpo che li penetra,
e pensano soltanto alle carezze,
pensano soltanto al desiderio
(da Dove sono precipitate)

Uno sfioramento inatteso,
un’occhiata fugace fra le ombre,
bastano perché il corpo si apra in due,
avido di accogliere in sé
un altro corpo che sogni;
metà e metà, sogno e sogno, carne e carne,
uguali in figura, in amore, in desiderio.
Benché sia solo una speranza,
perché il desiderio è una domanda cui nessuno sa rispondere
(da Non diceva parole)

Vi amo, teneri bimbi;
vi amo tanto, che vostra madre
potrebbe credere ch’io voglia farvi del male
(da Il merlo, il gabbiano)

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.