Passa ai contenuti principali

Alice nella città degli orrori

Anna Berra, L'ultima ceretta, Garzanti.
È un porno-giallo d'autrice L'ultima ceretta di Anna Berra: un libro scritto bene, con un linguaggio aderente a quello della realtà giovanile e che scorre via veloce. Protagonista ne è Alice, una giovane donna laureata con il massimo dei voti che, non riuscendo a sbarcare il lunario con i miseri guadagni di traduttrice, sceglie la via della prostituzione. Assieme alla sua compagna Paola, infatti, inscena, per facoltosi clienti, spettacoli di sesso saffico. A procurare loro i clienti ci pensa la proprietaria di un centro estetico che viene trovata uccisa proprio dalle due amiche, le quali, invece di chiamare le forze dell'ordine, decidono (soprattutto Alice, la più coraggiosa delle due, quella che veste con abiti maschili, va in giro con una benda su un occhio e pratica il pugilato) di investigare in proprio, per scoprire il nome dell'assassino. Le indagini faranno entrare Alice e Paola in contatto con una Torino misteriosa e inquietante, nella quale si celebrano riti satanici e orge con protagonisti alcuni minorati psichici (una Torino, dunque, "città degli orrori", molto distante da quel "paese delle meraviglie" visitata da un'altra Alice della letteratura).

Un'ndagine, quella descritta in L'ultima ceretta, che presenta al lettore una serie di colpi di scena e di situazioni tipiche del fumetto e del romanzo giallo di "serie B" che, però, purtroppo, non sono poi tanto distanti dalla realtà. Inutile dire che l'autrice ha il pregio di far sospettare di tutti, anche dell'adolescente Olga di cui Alice si innamora (ricambiata) e del ragazzone con il quale la protagonista ha scatenatati rapporti sessuali e che chiama per tutto il libro con un soprannome: Draculino….

Non si svela il finale: si avverte solo il lettore che non è il classico finale da libro giallo. Tale scarto dalla letteratura di genere, unito a una scrittura sorvegliata e a un preciso messaggio che traspare dalle scene di sesso (ovvero che il piacere va goduto e vissuto in ogni sua forma, non ultima quella onirica), rendono l'opera prima di Anna Berra degna di un'attenzione per solito non riservata né ai romanzi gialli e neppure a quelli pornografici.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.