Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2004

Il lato triste dell'America

Ballo di famiglia è il racconto che dà il titolo al primo libro di David Leavitt pubblicato nel 1984, quando l’autore aveva appena 23 anni. 
Venti anni fa fu un vero e proprio caso letterario mondiale e – letto oggi – non si fa fatica a capire il perché: i 9 racconti del libro sono davvero ben scritti e presentano personaggi che vivono situazioni difficili, essendo spesso al confine tra la vita e la morte. 
La loro psicologia è descritta in modo maturo e le loro storie presentano un lato oscuro degli sfavillanti (specie negli anni Ottanta) Stati Uniti d’America. 
Inoltre, fatto da non trascurare, tali racconti non hanno perso in alcun modo la loro “freschezza” e la loro “attualità”, tanto che sono assolutamente in grado di emozionare anche quel lettore che degli anni Ottanta non conoscesse proprio nulla.

Un amore bruciante

Al centro del romanzoI ragazzi terribili di Jean Cocteau stanno i due fratelli Paul ed Elisabeth, ragazzi diversi dagli altri per la loro vita irregolare e che il destino segnerà in modo tragico.  A condurre i due congiunti alla rovina è l'Amore. 
Essi amano e si amano (seppure di due amori differenti) e i loro sentimenti amorosi non saranno mai esaltati e soddisfatti dall'unione dei corpi. 
Certo, loro non sono gli unici personaggi del romanzo a vivere un amore infelice: nessuno dei protagonisti della storia ha la fortuna di potersi congiungere con l'oggetto del proprio amore.  Infatti, così come Paul non avrà mai la possibilità di copulare con il bello e forte compagno di studi Dargelos e neppure con Agathe che dell'eroe amato è la versione al femminile (tanto somigliante da poter essere confuso con lui in una foto); anche Gérard, l'amico dei due fratelli, non potrà mai unirsi a Paul o a Elisabeth (entrambi amati). 
Ma neanche Agathe ed Elisabeth saranno…