Passa ai contenuti principali

Gli amici di Chris a Berlino

«No. Perfino ora non posso credere sul serio che tutto questo sia realmente accaduto…». 
Così termina Addio a Berlino di Christopher Isherwood, romanzo-diario pubblicato nel 1939 e narrante fatti svoltisi nella capitale tedesca tra il 1930 e il 1933, in piena ascesa del Nazismo. 

In quel periodo Isherwood risiedeva a Berlino – considerata da molti giovani inglesi una specie di città dove tutto era possibile, amore libero compreso – e con piglio di grande cronista trascriveva nelle pagine del suo romanzo-diario i fatti di cui era testimone (tra l’altro rivelando una capacità di analisi impressionante, se vista con il “senno di poi”): «Io sono una macchina fotografica con l’obiettivo aperto; non penso, accumulo passivamente impressioni» scrive nelle prime righe del libro.

Una definizione di se stesso assolutamente calzante per questo romanzo, nel quale Isherwood, pur essendone il protagonista (anche in veste di voce narrante), raramente si lascia sfuggire una nota sui sentimenti provati o pone gli altri personaggi in ombra rispetto a sé. 
Al contrario, Isherwood mette sotto i riflettori le persone con le quali diventa amico e le descrive al pubblico con attenzione e verità (senza nulla nascondere). 
A differenza di una meccanica macchina fotografica, però, l’autore non riesce a nascondere del tutto la simpatia (spesso si tratta di empatia) provata nei confronti dei propri personaggi-amici, anche quando ne fa un ritratto poco lusinghiero. 
In realtà, di tutti viene sempre disegnato un ritratto che, per un verso o per l’altro, non è lusinghiero: ad esempio, dell’aspirante giovanissima attrice Sally Bowles si descrivono le troppe avventure erotiche a fine di lucro; della coppia Peter Wilkinson e Otto Nowak il rapporto conflittuale, regolato da un accordo di tipo economico (con Peter che passa dei soldi al giovanissimo Otto), piuttosto che costruito su un affetto reciproco (è Peter, forse, ad amare, non riamato, l’altro); della famiglia Nowak la laida e maleodorante miseria e di Bernhard Landauer l’incapacità di accettarsi e di vivere rapporti sinceri con gli altri, narratore compreso che corteggia in modo a dir poco criptico. 
Un libro, quello di Isherwood, che a ragione è definito da molti un vero capolavoro.
______

Addio a Berlino è disponibile su Amazon

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.