Passa ai contenuti principali

Intensi naufragi

Naufragi di Don Chisciotte di Massimo Bavastro, regia di Lorenzo Loris, scene e costumi di Emanuela Pischedda. Con Gigio Alberti e Mario Sala. Visto all’'Auditorium di Piazza della Libertà a Bergamo il 24 marzo 2004.
I naufragi raccontati da Massimo Bavastro sono quelli di una coppia di amici, entrambi malati mentali che credono di essere l’'uno il cavaliere Don Chisciotte (Mario Sala) e l’'altro il suo scudiero Sancho Panza (Gigio Alberti). 
Essi, rivivendo in chiave moderna le avventure descritte nel celebre romanzo di Cervantes, errano (nel doppio significato di vagare e di sbagliare) a cavallo di una bicicletta, cercando Dulcinea in una discoteca e combattendo non più contro i mulini a vento (che oggigiorno andrebbero tutelati come beni culturali), ma contro rumorose trivelle tra i carruggi della città di Genova. 
Il testo di Bavastro è struggente, poetico e crudo e l'’interpretazione dei due attori strepitosa, specie quella di Mario Sala che passa da toni tragici a toni esilaranti con impressionante scioltezza e naturalezza. Il suo personaggio rivela una lucidità che agghiaccia: nel suo delirio, infatti, riesce a descrivere il tormento vissuto dalla propria madre, una mater dolorosa che non sa darsi pace per avere un figlio matto (e commuove); ma, anche, raccontare la “cura delle acque” (benedette) cui viene sottoposto dalla madre (e si ride). 
Più sfuggente il personaggio interpretato da Gigio Alberti: è un Sancho Panza logorroico che vaneggia e lascia le frasi a metà (in modo che diventa difficoltoso seguirne il discorso) e che “guida” (come può guidare un matto) il suo cavaliere triste per le vie di una città sostanzialmente indifferente ai loro dolorosi vissuti. 
La regia di Lorenzo Loris è riuscita a rendere il testo in modo egregio, dando lo stesso peso ai momenti tragici e dolorosi e a quelli comici (ma è una comicità piena di disperazione). Il suo è uno spettacolo intenso, pieno di giusta tensione e che non è mai volgare, neppure quando i due attori si masturbano in scena e donano il loro seme al mare, nella speranza di poter lasciare un erede.
La scena di Emanuela Pischedda ricorda quelle di Appia fatta com’'è di un praticabile grigio e anonimo (ma che viene animato dagli attori).
Lunghi e insistiti applausi al termine dello spettacolo.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.