Passa ai contenuti principali

Vittorio Gassman parla del teatro italiano

Raccolta da Luciano Lucignani nel 1982 L'intervista sul teatro di Vittorio Gassman (1922 - 2000) è stata ripubblicata da Sellerio nel 2002, dopo aver visto la luce per la prima volta nelle edizioni Laterza.

Sono passati 24 anni da quando Gassman rilasciò tale intervista e poco è cambiato nel panorama del teatro italiano. Certo, alcuni nomi di registi importanti e di bravi attori si sono aggiunti all'elenco stilato dal Grande Mattatore, ma i vizi, i vezzi, i tic e le cose che non vanno sono rimasti gli stessi: «il nostro teatro» affermava Gassman «è uno dei teatri in cui, a parte l'estro, la capacità inventiva, e così via, si parla meno correttamente [...] È un teatro nel quale fa difetto anche la capacità di muoversi, di sapere occupare lo spazio scenico, di averne coscienza». Parole, purtroppo, ancora del tutto attuali, fatte le dovute eccezioni, naturalmente. 
Ecco, allora, l'assoluta necessità di buone scuole di teatro nelle quali si possa imparare l'ABC della scena e la volontà di non smettere mai di studiare anche quando si è diventati qualcuno. 
L'attore, afferma il Mattatore, è un uomo che deve sempre imparare e suoi insegnati sono gli altri attori, i registi, e la vita. E Gassman ricorda nell'intervista molti grandi attori (Zacconi, Ruggeri, Benassi e Ricci) e molti registi, sia di teatro, sia di cinema (Visconti, di cui traccia un interessante profilo critico, Monicelli e Dino Risi) dai quali ha imparato. Parlando di loro Gassman non solo ripercorre la propria carriera, ma ricostruisce una parte importante della storia teatrale italiana, quella del tramonto del Grande Attore e dell'affermarsi della Regia. 
Interessantissimo, poi, è il capitolo nel quale Gassman parla della "malattia" dell'attore, malattia che lo spinge a calcare le scene e che si aggrava proprio perché le calca: malattia nella quale trovano posto parole come finzione, verità, esibizionismo (fisico e psichico), gioco, sdoppiamento della personalità, ambiguità sessuale... 
Un libro da leggere sia per capire meglio che tipo di attore e regista è stato Vittorio Gassman, sia per avere maggiori informazioni sul teatro di ieri e di oggi.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.