Passa ai contenuti principali

La Parsons Dance Company a Bergamo

Non basterebbe affermare che sono dei bravissimi danzatori. Non servirebbe a molto dire che la Parsons Dance Company è tra le compagnie di danza più celebri del mondo. Forse inizierebbe ad avvicinarsi al vero colui che scrivesse che i ballerini che fanno parte del gruppo sono assolutamente strepitosi. Ma, e lo si afferma colmi di stupore, ciò aiuterebbe poco chi si accingesse a descrivere l'incredibile maestria dimostrata dai danzatori in alcune loro performance. 
Maestria e virtuosismo che emozionano lo spettatore. Come definire altrimenti se non emozione allo stato puro quella che si prova durante l'esecuzione di Caught, la coreografia più celebre di David Parsons? Vedere il danzatore, impegnato in un assolo, "volare" per il palcoscenico del Teatro Donizetti ha emozionato il pubblico bergamasco al punto che il balletto si è svolto tra gli applausi e le urla di giubilo, per concludersi in una vera e propria ovazione. 
Va detto che oltre alla capacità tecnica dei ballerini, supportata da una preparazione atletico-acrobatica; oltre alla bravura indiscussa di David Parsons come coreografo e maestro di danza, va dato un giusto peso a Howell Binkley che con le sue luci esalta, e si vorrebbe dire completa, ogni singolo "gesto" dei danzatori. Gesti che assumono la forza visiva dei dettagli cinematografici scolpiti come sono dalle luci su uno schermo-fondale nero (ma a volte di colori vivi e brillanti). Gesti che creano figure nuove grazie all'unione dei corpi impegnati in movimenti di scioltezza assoluta. Corpi che esprimono una trascinante gioia di vivere e di ballare, unita a una spruzzata di ironia che certo non guasta, ma, anzi, risulta gradita al pubblico che sorride volentieri alle trovate spiritose del coreografo.
Al calar del sipario il pubblico si è profuso in un applauso tanto caloroso e convinto che il sipario si è riaperto e la compagnia ha concesso un bis che ha incantato gli spettatori. Peccato che la Parsons Dance Company è rimasta a Bergamo per un sol giorno.

------
Emozione allo stato puro, di Danilo Ruocco, in «Il Nuovo Giornale di Bergamo», 26 febbraio 2004.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.