Passa ai contenuti principali

La chimera fa faville all'Auditorium di Bergamo

Un lungo e caloroso applauso scoppia al termine del monologo tratto dal romanzo di Sebastiano Vassalli La chimera che Lucilla Giagnoni (anche autrice della riduzione teatrale) ha portato all'Auditorium di Piazza della Libertà il 4 e il 5 febbraio scorsi. Un applauso convinto e liberatorio: la tensione che crea il racconto del processo contro Antonia da Zardino, infatti, non è mai stata scaricata con l’applauso dal pubblico durante il monologo, forse per la paura di distrarre l'attrice dal suo compito. 
Un compito certo non facile quello della Giagnoni che ha voluto, da sola, rendere in scena la complessità del romanzo di Vassalli, concentrandosi sul personaggio di Antonia a scapito di molti caratteri minori che costituiscono il romanzo corale di Vassalli. 
Nessuna divagazione storico-sociale nel testo della Giagnoni, ma la vita di Antonia dalla nascita alla morte sul rogo, recitata dando voce ai personaggi principali, sia donne, sia uomini. Qualche inciampo di carattere mnemonico l'attrice l'ha avuto, ma la durata del monologo e la difficoltà del testo (rispettoso del romanzo di Vassalli), giustificano abbondantemente qualche "papera". 
Belle le luci di Lucio Diana che vanno dal bianco al rosso ed esplodono nell'abbaglio finale della festa conseguente al rogo della strega Antonia. 
Intelligente la regia di Paola Rota che aiuta la recitazione della Giagnoni sottolineando certi passaggi con la musica e fornendo all'attrice un costume-tunica, da un verso di colore bianco e dall'altro rosso (i due colori dello spettacolo: candore e rogo), che, all'occorrenza, diventa anche gonna e può anche alludere al corpo di Antonia dilaniato dalla tortura.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.