Passa ai contenuti principali

Fabbrica di Ascanio Celestini. Un libro da leggere e ascoltare

Fabbrica di Ascanio Celestini edito da Donzelli Editore è un libro con CD audio che nasce dall'’omonimo spettacolo dell'’attore-autore. Si è specificato che nasce dal monologo “in forma di lettera”, in quanto il libro non è un'’edizione del copione, bensì è un prodotto editoriale autonomo: oltre al testo del recital, infatti, nel libro vengono pubblicate altre 5 lettere che non fanno parte del monologo teatrale. 
Sono tali lettere (e non la registrazione dello spettacolo) che Celestini recita nel CD audio che completa il volume. 
Al lettore che conosce l’'attore-Celestini leggendo il volume verranno in mente le espressioni e le intonazioni che sono tipiche di colui che è giudicato come uno dei migliori narratori teatrali d'’Italia. 
Al lettore, invece, che non ha mai avuto modo di assistere a uno spettacolo di Celestini, sarà il CD audio a poter dare un'’idea del modo particolare con il quale l'’attore narra in teatro. 
Ad ogni buon conto, lo stile narrativo di Celestini emerge in tutta la sua plastica evidenza fin dalla prima frase del volume che, pur essendo un «Racconto teatrale in forma di lettera» (come recita il sottotitolo) riproduce (o meglio, ripropone in modo artistico) il linguaggio parlato (e non quello scritto come farebbe supporre il richiamo alla lettera) delle classi popolari laziali. 
E la storia narrata nella lettera è quella di un operaio che per restare nella Fabbrica dove è stato assunto (forse per sbaglio) deve procurarsi «una disgrazia» (ovvero, un incidente sul lavoro), 
Che a quelli come me che non c’ho figli e non c’ho famiglia, che a quelli come me che sono tutto sano... siamo i primi che ci licenziano. Figuriamoci se li vanno ad assumere a quelli come me. Ché gli unici che rimangono alla fabbrica, gli unici che non li mandano via so’ quelli che proprio non li possono licenziare. Quelli che c’hanno avuto la “disgrazia”. 
Attraverso il racconto che l’'operaio fa del suo lavoro alla madre, il lettore viene a conoscenza della vita in fabbrica così come si è svolta nel corso del Novecento (l’'autore, per documentarsi, ha raccolto una serie di testimonianze e ciò che narra è un ’elaborazione di fatti realmente accaduti).
Un libro, quello di Celestini, davvero molto bello da leggere e ascoltare più volte.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.