Passa ai contenuti principali

I monologhi della vagina

Libro davvero istruttivo I monologhi della vagina di Eve Ensler, nato da una serie di interviste (circa 200) che l’autrice ha fatto a donne di ogni età, estrazione sociale, razza e religione tutte incentrate sul loro rapporto con la propria o altrui vagina. Tali interviste, rielaborate e accorpate, sono diventate monologhi teatrali che la Ensler prima e altre attrici poi (tra cui Susan Sarandon, Glenn Close, Melanie Griffith, Winona Ryder e Kate Winslet) hanno recitato in vari teatri del mondo. 
I monologhi della vagina sono istruttivi non solo per le lettrici e spettatrici donne, ma anche (e soprattutto) per i lettori uomini (non ho idea di quanti spettatori di sesso maschile ci fossero durante gli spettacoli, in quanto di essi, nel libro, non si fa menzione), in quanto essi mettono in mostra il rapporto sacrificato, distorto e represso che migliaia di donne hanno con il loro apparato genitale. Infatti, emerge dalla lettura come per tali donne la vagina esista, ma sia qualcosa di misterioso, che molte non hanno mai visto e moltissime non toccano se non per questioni igieniche. 
Tutt’altro rapporto con la vagina, molto più gioioso e normale (da un punto di vista maschile), invece, la relazione che instaurano le lesbiche con la propria e altrui vagina: essa è strumento per dare e ricevere piacere, un organo che va coccolato ed esaltato. 
Si diceva del punto di vista maschile: è un punto di vista di chi ha un rapporto con il proprio sesso generalmente assai disinvolto, fatto di masturbazione e di conoscenza, molto distante da quello descritto nei monologhi della Ensler. Da porre in rilievo come, nel rapporto che le donne hanno con la propria vagina, molta della responsabilità appartenga agli uomini che, per secoli, hanno fatto di tutto per mortificare la sessualità femminile (per non dire delle orrende pratiche mutilatorie ancora in uso in molti paesi del mondo).
Alcuni critici hanno parlato di umorismo a proposito dei Monologhi della vagina. Francamente, non ho idea di che tipo di impatto si abbia a teatro vedendo un’attrice che li recita, ma alla lettura tale umorismo non emerge per nulla. D’altronde, di fronte a certe violenze descritte nel libro non viene proprio voglia di sorridere…

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.