Passa ai contenuti principali

Rapporto di minoranza di Philip K. Dick: il Futuro è modificabile?

Dico subito che Rapporto di minoranza di Philip K. Dick (che considero il più grande scrittore statunitense del Novecento) è un racconto davvero molto bello, pieno di colpi di scena e che fa, in più punti, riflettere il lettore non distratto. 
Al centro dell’azione c’è il capo della sezione Precrimine che viene accusato di stare per compiere un omicidio e che, per questo, si trasforma in un fuggiasco impegnato a dimostrare la propria innocenza. 
La Precrimine è la sezione che arresta «“degli individui che non hanno infranto alcuna legge”. “Ma che sicuramente la violeranno”» spiegano Anderton (il protagonista del racconto) e Witwer (colui che è destinato a succedergli alla guida della struttura). Dunque, la sezione arresta degli innocenti e lo fa sulla base di predizioni fatte da tre precog («idioti», «Deformi e ritardati»), i cui mormorii vengono trasformati in previsioni di delitti da dei computer. Una società post-conflitto, quella descritta da Dick, che reprime e controlla, sulla base di dati, perlomeno, discutibili… 
Il titolo allude al fatto che, essendoci tre precog, le loro predizioni (a volte discordanti) vengono riunite in un rapporto di maggioranza che dovrebbe descrivere il Futuro in modo veritiero. L’esistenza di un rapporto di maggioranza, però, rimanda, di conseguenza, a quella di un rapporto di minoranza che scagiona il protagonista dall’accusa… 
Si diceva del fatto che il racconto contiene più spunti di riflessione: alcuni (come il fatto che vengano arrestati degli innocenti; che le previsioni altro non siano che dei mormorii di dementi codificati da dei computer o che si tratti di una società fortemente repressiva) sono già stati nominati.
Ad essi, va aggiunto la visione del Futuro come di un “qualcosa” che possa essere modificato se conosciuto (questo è lo scopo della “Precrimine”); la fedeltà ad una causa (qualunque essa sia) come un condizionamento cui soggiace anche il protagonista del racconto che, per non screditare l’immagine dell’ufficio da lui diretto, finirà per uccidere davvero
Il finale vuole essere per i protagonisti consolatorio, in quanto confermerebbe loro che i precog non sbagliano (e che, quindi, loro non fanno parte di una struttura inutilmente repressiva)… 
In realtà, però, il Futuro non è stato modificato affatto (ammesso che lo si sia mai conosciuto), come la Precrimine dovrebbe fare per “missione”: è solo stato confermato (e di proposito) un rapporto di maggioranza
Il testo di Philip K. Dick è leggibile in Rapporto di minoranza e altri racconti edito da Fanucci Editore, libro che riunisce 5 racconti, 4 dei quali diventati celebri per essere stati tradotti sullo schermo: Rapporto di minoranza (in Minority Report di Steven Spielberg); Impostore (in Impostor di Gary Fleder); Modello Due (in Screamers – Urla dallo spazioRicordiamo per voi (in Atto di forza di Paul Verhoeven). 
Il quinto racconto, La formica elettrica, è presente nella silloge perché ricorda in più punti il romanzo più famoso di Dick (Ma gli androidi sognano le pecore elettriche?) da cui è stato tratto Blade Runner di Ridley Scott.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.