Passa ai contenuti principali

La Venexiana. Una riflessione...

Ignoto veneto del Cinquecento, La Venexiana, Torino, Einaudi, a cura di Ludovico Zorzi. 
Atto I, scena IV: «Angela, Nena in lecto». Segue dialogo tra le due donne che culmina con la richiesta, da parte di Angela, che Nena assuma un ruolo maschile mentre si tengono abbracciate nel tentativo di spegnere i fuochi della passione amorosa che Angela prova per Iulo. 
Nena, affinché Angela possa crederla un uomo fino in fondo, deve bestemmiare Cristo e dire «Quele sporcarie che se dise in bordelo.». 
Poco prima, quando Nena aveva chiesto ad Angela cosa avrebbe voluto fare con Iulio, se il giovane fosse andato nella di lei casa, Angela aveva risposto che avrebbe voluto mettergli la lingua in bocca, e Nena aveva ribattuto, ammiccando, che lei lo sapeva, certamente, fare meglio di lui.

Ludovico Zorzi, nella sua Scheda per “La Veneziana”, afferma che la sequenza rivela l'intenzione satirica dell'autore e non la vena documentaria che, invece, è dall'Ignoto affermata con il famoso explicit «Non Fabula non Comedia ma vera Historia».
Parla, poi, di «morboso equivoco» e di «sconcertante scena». Ricordo che Zorzi vergava la sua scheda nel 1965…

Non ho letto studi specifici su La Venexiana, perciò la mia riflessione è da considerarsi "vergine". 
Credo che l'affermazione di Zorzi sia alquanto riduttiva: a mio avviso l'Ignoto non scrive la scena con intento parodistico e satirico o, almeno, non solo con tale intenzione. 
Credo, invece, che lo spinga una reale volontà di "documentare" quanto poteva accadere in una casa di una "vedova onorata": ovvero, una casa nella quale gli uomini non potevano entrare senza destare sospetti e/o alimentare i pettegolezzi. 
Dunque, a quei tempi, la vedova onorata, per conservare il titolo di rispettabilità, presumibilmente sarebbe stata "costretta" a sopire le proprie voglie con la serva (nel ruolo di maschio), o a far entrare in casa, con sotterfugi, compiacenti forestieri a caccia d'avventure. 
Poco importa, per il mio ragionamento, se l'Ignoto abbia o meno "farcito" la cronaca che lo ispirò per la composizione della commedia con spunti letterari o - come potrebbe essere per gli amori saffici - con altra cronaca quotidiana: il suo intento - almeno per me - era quello di documentare la vita sessuale di due donne (Angela la vedova e Valeria la giovane sposa, entrambe attirate dal giovane e bel forestiero, entrambe pronte a tradire: la memoria del defunto, l'una; il marito, l'altra).

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.