Passa ai contenuti principali

Appunti sulle variazioni cromatiche nella Traviata per la regia di Eyre

La Traviata di Giuseppe Verdi, su libretto di Francesco Maria Piave, dal dramma La Dame aux camélias di Alexandre Dumas figlio. Con Angela Gheorghiu (Violetta) e Frank Lopardo (Alfredo). Direttore: Sir Georg Solti. Regia teatrale di Richard Eyre. Scene e costumi di Bob Crowley. Regia televisiva di Humphrey Burton e Peter Maniura. DVD registrato dal vivo alla Royal Opera House, Covent Garden, Londra, nel dicembre del 1994. “Stagione lirica in DVD”, n. 1, Edizioni del Prado.
I bravissimi cantanti sono validi anche come attori (ed è una piacevole sorpresa: è bello poter vedere recitare anche dei cantanti lirici). Inoltre, i due protagonisti sono anche belli (cosa che non guasta, data la vicenda cui danno vita). 
Il Primo Atto è dominato dal rosso del salotto elegante dove si svolge la festa data da Violetta. La sala di ricevimento non è squadrata, ma avvolgente come una promessa di felicità (è, questo, d’altronde, il mestiere della cortigiana Violetta).
La Prima Scena del Secondo Atto è dominato dall’azzurro ed è luminoso. La casa è quella di campagna dove vivono Armando e Violetta che devono ancora terminare di arredarla. Domina la scena un grande tavolo da pranzo: si è passati dall’arredo del salotto mondano, al tavolo del focolare domestico; dall’oscurità della notte, alla luminosità del giorno. Ma è proprio in questo ambiente sereno, in tale nido d’amore, che si compie il destino avverso di Violetta: il padre di Alfredo viene a chiederle di far tornare Alfredo alla vita onorata (quella vita che prevede la frequentazione delle cortigiane di lusso solo dopo cena e non anche durante il pranzo, pare voler dire la scenografia). Da notare che il padre di Alfredo è figura duplice: duro con Violetta, ma dolce con il figlio (Di Provenza il mare, il suol).  
La Seconda Scena del Secondo Atto si svolge in un salone delle feste dominato da un grande tavolo da gioco e, di nuovo, dal colore rosso (che si caratterizza, così, come il colore della mondanità). Violetta appare con uno splendido abito nero (in verità tutti gli abiti indossati da Violetta sono bellissimi, eleganti e raffinati, in linea con il suo ruolo di grande cortigiana). 
L’ultimo atto si svolge in penombra e domina in colore bianco del ritrovato candore della protagonista (che da “Traviata” è diventata – grazie all’amore e al sacrificio per amore – “Redenta”). L’ambiente è fatto di oggetti smisurati: lo specchio-parete e le veneziane enormi.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.