Capolavori dell'Accademia Carrara in mostra a Mosca

MAESTRI DEL RINASCIMENTO: DIPINTI ITALIANI DEL XV E XVI SECOLO DALL’ACCADEMIA CARRARA DI BERGAMO
MUSEO PUSKIN, MOSCA – 28 APRILE 2014 / 27 LUGLIO 2014

La mostra propone una selezione di dipinti della Accademia Carrara di Bergamo, cogliendo l’occasione del periodo di chiusura del museo per lavori di ristrutturazione dell’edificio storico, iniziati dal giugno 2008. IDal 28 aprile al 27 luglio l'esposizione avrà luogo a Mosca grazie alla collaborazione con il Museo Puskin.
L’arte europea è per i visitatori di Mosca un contesto in larga parte conosciuto anche grazie alle collezioni del Museo Puskin stesso, ma è altrettanto vero che questa istituzione ha da tempo intrapreso un programma di attività costellato di grandi mostre di arte occidentale: recenti le mostre monografiche dedicate a Lotto e a Tiziano. Mostre che vanno a completare la varietà delle collezioni del museo, ricchissimo di opere di arte italiana soprattutto, ma anche francese, fiamminga e olandese, tedesca. Senza contare le straordinarie raccolte archeologiche comprendenti reperti egiziani, assiro- babilonesi, greci, romani oltre al celebre ‘tesoro di Priamo’ ritrovato da Schliemann a Troia.
"Così la scelta più naturale - spiega Giovanni Valagussa conservatore dell'Accademia Carrara -  è caduta su una rassegna che potesse presentare ai visitatori un panorama affascinante del Rinascimento italiano, sull’arco cronologico di circa un secolo dalla metà del Quattrocento alla metà del Cinquecento e nell’articolazione geografica delle sue tre principali scuole regionali artistiche, ovvero quelle della Toscana, del Veneto e della Lombardia.
L’esposizione delle opere dell'Accademia Carrara dunque è stata pensata per proporre una serie di eccezionali capolavori di artisti notissimi (Pisanello, Giovanni Bellini, Botticelli, Carpaccio…) cercando però al contempo di collocarli nel loro contesto storico, culturale, geografico e in generale di rapporti figurativi: in modo da renderne più comprensibile l’eccezionale altezza qualitativa ma anche l’ambiente di azione. Dunque un modo per proporre innanzitutto, in generale, l’idea del Rinascimento artistico italiano, illustrandolo però anche in molte sue sfaccettature attraverso le varie testimonianze che si concentrano in queste straordinarie immagini"
I criteri più approfonditi di comprensione dell’esposizione potranno essere principalmente tre:
1. quello cronologico, articolato sulla possibilità di leggere una evidente evoluzione nella cultura della rappresentazione in immagini: dall’ammirazione incondizionata per l’arte antica di età romana e greca che accomuna gli artisti attivi attorno alla metà del Quattrocento, si passa al pieno sviluppo del Rinascimento con la coscienza del superamento del mondo classico, per arrivare però poi alla crisi profondissima della cosiddetta ‘maniera moderna’ con il suo riflusso verso tendenze opposte, dal fantastico più sfrenato al più diretto realismo; e per giungere infine a quella sorta di cesura di metà Cinquecento benissimo rappresentata dai cupi e formali ritratti del Moroni.
2. il criterio regionale italiano, con la possibilità di leggere attraverso le opere esposte la ricchezza di sviluppo che negli stessi decenni si snoda, in modo parallelo ma autonomo, tra Toscana, Veneto e Lombardia; tre regioni le cui scuole pittoriche sono benissimo rappresentate in Accademia Carrara e che segnalano con straordinaria autonomia le possibilità di interpretazione originali di analoghe premesse figurative ispirate alla classicità.
3. infine sarà possibile percorrere l’esposizione anche seguendo un più banale criterio tematico, o se si vuole iconografico, visto che comunque le opere scelte si raccolgono sotto l’ambito di alcuni soggetti ricorrenti e basilari: certamente i temi sacri, con la frequentissima rappresentazione della Madonna col Bambino, argomento spesso carico di implicazioni anche filosofiche; poi il caratteristico genere del ritratto, così spesso prescelto dai collezionisti che hanno donato le loro raccolte all’Accademia Carrara, con una predilezione per il ritratto realistico e in qualche modo più tipicamente lombardo; infine il tema delle pitture narrative, cioè delle ampie scene con soggetti complessi e ricchi di personaggi, che illustrano episodi della storia biblica o trame letterarie (su tutti la Storia di Virginia romana del Botticelli).
In questo modo da un museo come l’Accademia Carrara che fa della sua formazione per lasciti di collezioni private una delle principali ragioni della propria continuità storica, si arriva agevolmente a formulare un percorso espositivo che travalica problemi di gusto e di tradizione aristocratica difficilmente raccontabili ad un pubblico così lontano, per dispiegare invece in modo piano ma non banale diverse possibilità di lettura di una fase storica e artistica specifica, di sorprendente livello intellettuale, che ha segnato uno dei punti di apogeo dell’intera società europea.
La mostra così formulata nasce dalle idee di Viktoria Markova, curatore dei dipinti italiani presso il Museo Puskin, e di Giovanni Valagussa, Conservatore responsabile del Museo della Accademia Carrara. Il catalogo avrà schede delle  opere principalmente dei due curatori citati, ma anche di altri studiosi che si sono più specificamente interessati ad alcuni dei dipinti esposti, con saggi introduttivi su Bergamo, sull’Accademia Carrara e più in generale sul Rinascimento e sul concetto della mostra stessa, affidati a diversi autori.