Centro Studi del Vetro Fondazione Cini appuntamento al 21 febbraio

Venerdì 21 febbraio 2014, il Centro Studi del Vetro della Fondazione Giorgio Cini - centro permanente di ricerca sul vetro nato nel 2012 all’interno dell’Istituto di Storia dell’Arte, che proprio quest'anno taglia il traguardo dei 60 anni di attività - organizza un convegno internazionale di studi dedicato al grande architetto e designer Tomaso Buzzi (1900-1981).
L'incontro richiamerà a San Giorgio Maggiore studiosi ed esperti per approfondire la complessa e articolata personalità di Buzzi.
Coppa delle Mani

Insieme a Gio Ponti, di cui fu amico e collaboratore, Tomaso Buzzi, è stato uno dei più importanti creatori del gusto italiano degli anni ’30 e ‘40 del secolo scorso, dando inizio a un vero e proprio standard imitato da molti negli anni seguenti. Architetto, designer, arredatore d’interni, oltre che collaboratore della rivista Domus, lavorò per le figure più importanti della grande aristocrazia del nostro Paese: Volpi, Cini, Visconti, solo per citarne alcuni.
Suoi sono ad esempio gli interventi a Villa Necchi Campiglio a Milano, recentemente restaurata dal FAI, alla palladiana Villa Maser a Treviso, a Venezia a Palazzo Papadopoli, Palazzo Labia e Palazzo Cini a San Vio, dove eseguì due piccoli ma significativi interventi tra il ‘56 e il ‘58: la creazione della graziosa stanza ovale in stile rococò e l’aggiunta della scala a chiocciola.
Per raccontare e indagare i vari aspetti della figura di Buzzi e delle sue attività, il 21 febbraio dalle 9.30 alle 19.00, la Fondazione Cini propone un’intera giornata di studi che vedrà gli interventi di studiosi ed esperti.
Il convegno anticiperà l’appuntamento espositivo autunnale de Le Stanze del Vetro: Tomaso Buzzi alla Venini a cura di Marino Barovier (13 settembre 2014 – 11 gennaio 2015) della quale costituisce un'integrazione scientifica. La mostra riguarderà i lavori di Buzzi per la vetreria muranese con la quale collaborò tra il 1932 e il 1933.