lunedì 2 settembre 2013

Torna Teatro in Quota al Rifugio Falc il 7 settembre

Elena Corna e alle sue spalle Linda Bolognini nello spettacolo del 27 luglio presso il Rifugio Falc

Nuovo appuntamento con Teatro in quota sabato 7 Settembre presso il Rifugio Falc.
Secondo appuntamento della stagione con il teatro in rifugio.

Tornano a salire (dopo il riuscito Around 6 In The Morning proposto a fine luglio con il tutto esaurito) in quota Elena Corna e Linda Bolognini: le due attrici bergamasche riscalderanno la sera con il pezzo teatrale
Zu Hause un nuovo racconto ancora tutto al femminile, sull'amicizia, la convivenza e i molteplici volti dell'universo femminile. Autrice  è Elena Corna. L'inizio spettacolo è fissato dopo cena.
Lo spettacolo rappresenta l'occasione per passare una serata diversa in rifugio, al tepore della stufa .
Elena Corna e Linda Bolognini sono due attrici bergamasche, amiche, con alle spalle altri interessanti esperimenti teatrali autoprodotti, salgono in alto a raccontare una storia dove una scelta di vita in contatto con la natura regala ricchezze profonde.
Per informazioni contattare rifugio al 331 7884452         www.rifugiofalc.it

Il rifugio FALC, interessante meta delle Orobie seppur poco conosciuta e frequentata dagli escursionisti del versante bergamasco, ha infatti riaperto con la nuova gestione a cura di Elisa Cielok: giovane rifugista bergamasca che negli anni ha maturato esperienza lavorando sulle vette Lombarde e Trentine. Per Elisa e il Rifugio FALC inizia dunque un nuovo percorso da incrociare a quello degli alpinisti.
La riapertura del FALC rappresenta anche l'occasione per visitare un lato insolito del Pizzo Tre Signori: ben collegato con la Grassi e il Benigni offre la possibilità dell’interessante Giro dei Laghi che regala alla vista, lungo il circuito, paesaggi intensi e straordinariamente diversi fra loro.

Tra le novità anche la La Bibliotechina in quota: "Perché a volte capita ancora che - spiega Elisa Cielok -  nel silenzio del crepuscolo, o seduti nel sole del pomeriggio su di una roccia, o ancora tra il rumore della pioggia e il tepore di una tazza di the nella penombra del rifugio, le pagine di un libro sfogliate per caso ti prendano i pensieri, scivolino nel personale silenzio, invitino ad per alzare lo sguardo quando una frase ci fa risuonare ritrovandoci a fissare cieli e montagne, così, senza altro desiderare". La “Bibliotechina in Quota” è un progetto che nasce con i libri donati da chi ha voluto separarsi da pagine amate, apprezzate e consumate per lasciarle alla lettura di chi arriva in rifugio, dove il tempo si dilata : "I libri sono a disposizione dei visitatori, nel caso poi la volesse continuare allora perché abbandonare di nuovo il libro alla solitudine dello scaffale? E' sufficiente iscrivetesi in rifugio al semplice servizio di prestito. Mi piace pensare che un libro possa essere un compagno di viaggio per camminatori con la testa tra le pagine. Un grazie va a tutti gli amici che hanno dato in adozione al rifugio i loro libri e a quanti lo vorranno fare".


 L’apertura continuativa per l'estate è in programma fino 15 settembre

Nessun commento:

Posta un commento