Festival Pianistico Internazionale: edizione speciale per i 50 anni di storia

Prenderà il via domani il 50° Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo.
Il titolo scelto quest’anno ripercorre la storia del Festival “Da Michelangeli a Sokolov. Cinquant’anni con i grandi del pianoforte”.
Il programma prevede 12 concerti al teatro Grande di Brescia, 1 concerto, sempre a Brescia, all’Auditorium San Barnaba e 13 concerti al Teatro Donizetti di Bergamo. A questi si aggiunge il tradizionale concerto comemmorativo della strage di Piazza della Loggia, che si terrà nella chiesa di San Francesco il 28 maggio a Brescia.
Il compleanno
“E’ un onore – ha detto in occasione della conferenza stampa di presentazione l’Assessore alla cultura del Comune di Bergamo, Claudia Sartirani – celebrare questo compleanno. I 50 anni del festival sono il segno della tradizione musicale della città e del suo spessore culturale”.
Il Festival celebra 5 decenni di grandi interpreti: da Arturo Benedetti Michelangeli, ospite nelle prime 5 edizioni dal 1964 al 1968, a Grigory Sokolov, il pianista che più di ogni altro ha caratterizzato il Festival del nuovo millennio.
Proprio Sokolov (9 giugno a Bergamo e 10 a Brescia), quest’anno, sarà affiancato in calendario da altre stelle del pianoforte come Yuja Wang che suonerà il 9 maggio a Bergamo e il 10 a Brescia, Alexander Lonquic a Bergamo il 26 maggio e a Brescia il 5 giugno.
Il direttore artistico
“E’ un anno impegnativo – ha dichiarato in occasione della conferenza stampa di presentazione, il direttore artistico del festival Pier Carlo Orizio – abbiamo dovuto coniugare le ambizioni artistiche, alle possibilità reali. Molti artisti hanno aderito al nostro progetto ridimensionando il loro cachet, non lo ha potuto fare Rado Lupo che per questo non sarà presente. Dagli artisti abbiamo ricevuto una prova di grande generosità, derivata dalla stima e dal prestigio che il Festival si è guadagnato in 50 edizioni.
Il programma sarà incentrato proprio sulla storia del Festival che, quest’anno, eccezionalmente non avrà un tema determinato. Tutto è racchiuso nel titolo con il grande nome di Michelangeli, con il quale il successo del Festival esplose fin dalla prima edizione, e quello di Sokolov che è l’artista riassuntivo della storia recente della manifestazione”.
E’ previsto un grande inizio : “Il via sarà a Bergamo con l’Orchestra da Camera di Mantova, insieme al Coro da  camera Ricercare Ensemble, diretti da Umberto Benedetti Michelangeli per la Sinfonia n.9 di Beethoven”.

Commenti