domenica 26 febbraio 2012

A Bergamo il teatro entra in contatto con la città


Teatro, danza, performance, una vera e propria maratona di spettacolo dal vivo che coinvolgerà 9 locations con 26 differenti spettacoli (oltre 40 le repliche complessive), animando per quattro giorni Bergamo sul modello dei fringe festival europei. L’evento si rende inoltre eccezionale perché in città saranno ospitati decine di operatori da tutto il mondo: tutto questo è Luoghi Comuni Festival da giovedì 1 a domenica 4 marzo 2012.

“Giunto alla quarta edizione Let’s keep in touch! Luoghi Comuni - spiega la responsabile delle relazioni esterne Laura Valli - si propone di creare contatti e sinergie, coltivare e mantenere una rete di relazioni in grado di assicurare la crescita, attraverso il confronto costante, è la sostanza stessa della pratica culturale. Ed è lo spirito da cui nasce nel 2008 Associazione Etre – che riunisce in un network 22 residenze teatrali distribuite su ben 9 province della Lombardia: Milano, Brescia, Bergamo (ben 3 le realtà presenti sul territorio), Monza e Brianza, Lodi, Como, Lecco, Pavia, Varese. Il Festival si connota come un fringe Festival europeo, che ha ancora poca tradizione in Italia, con spettacoli dalle 10 del mattino a mezzanotte. Tutto qesto sarà inoltre arricchito da un covegno giovedì 1 marzo presso la GAMeC attorno al tema dei paesaggi culturali entro il quale si ascolteranno testimonianze dirette da tutto il mondo. Importanti saranno anche i tavoli tematici legati alla progettualità europea, allo scambio con altre realtà internazionali, alle compagnie bergamasche e allo sviluppo della drammaturgia inglese in italia. ”.

Le residenze sono state selezionate tra 2007 e 2010 all’interno del bando Progetto Être di Fondazione Cariplo, con il contributo di un Comitato di esperti del settore (Mimma Gallina, Renato Palazzi e Gaetano Callegaro). “Questo progetto – spiega Andrea Rebaglio di Fondazione Cariplo – è stato sostenuto con fondi speciali extra-bando, questo perché da sempre la Fondazione crede che attraverso il teatro si possa trovare un elemento di coesione sociale capace di vivificare ed unire i cittadini e il territorio. La Fondazione ha investito molto anche in termini organizzativi e di coordinamento, ma tutto questo è necessario perché il progetto triennale cresca con respiro ampio”. Dal 2009 l’Associazione si è fatta promotrice del Festival Luoghi Comuni, con l’obiettivo di creare un appuntamento di riferimento per quanto riguarda lo spettacolo dal vivo in Lombardia.

“Luoghi Comuni – aggiunge il direttore artistico del Festival Nicola Giliani - sarà infatti molto di più di una grande vetrina dello spettacolo dal vivo: un ciclo di incontri e dibattiti coinvolgerà operatori e studiosi di tutto il mondo per approfondire le differenti declinazioni di residenza, la relazione con i territori di riferimento e il loro ruolo come promotrici dell’attività di rete. La nostra volontà è sempre stata quella di creare relazioni sul territorio e di utilizzare il territorio stesso come infrastruttra. Il nostro desiderio è quello di riuscire ad animare uno straordinario contenitore storico come quello di Città Alta con un approccio giovane e fresco: pieno di movimento. Pur rispettando i luoghi storici crediamo anche che sia importante renderli fruibili, godibili, aperti. Al festival sarano presenti 35 operatori stranieri, per 4 giorni centinaia di persone saranno in città per un totale di 600 pernottamenti prenotati: anche attraverso la cultura la vita e l’economia possono ripartire”.

“Siamo in movimento – dice Luigi Ceccarelli direttore artistico del progetto Casa delle Arti e della Stagione di Prosa a Bergamo – dopo molti mesi di scambi e confronti siamo giunti a questo momento importante che segna un’occasione straordinaria per la città e per le nuove generezioni teatrali”.

Il Festival è sicuramente un’occasione culturale per la città , come sottolinea l’Assessore alla Cultura del Comune di Bergamo Claudia Sartirani : “Il teatro colonizzerà i luoghi più belli della città con spirito d’apertura e dialogo, sarà un'esperienza importante per la nostra Bergamo candidata a capitale della cultura europea nel 2019”.

informazioni: www.luoghicomunifestival.com

Nessun commento:

Posta un commento