11 novembre a Bergamo la chiusura per i 150 anni dell'Unità d'Italia

Il “Ritorno a casa del Mille” fissato per l’11 novembre 2011 rappresenta l’ultimo grande appuntamento delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia a Bergamo ad opera del comitato “Bergamo per i 150 anni” : “Questo evento – spiega l’Assessore alla Cultura del Comune di Bergamo Claudia Sartirani in conferenza stampa – segna la conclusione di un anno di lavoro molto intenso da parte di tutti i partner coinvolti la Regione alla Provincia, il Comune, la Prefettura, l’Università, l’Ufficio Decimo (ex provveditorato),la Fondazione Bergamo nella Storia. Un anno di celebrazioni simbolicamente aperto dalla visita del Presidente Napolitano il 2 febbraio scorso; celebrazioni che hanno visto tanti momenti diversi per atmosfere, linguaggi, personaggi storici, relatori, protagonisti”.

Il “Ritorno a Casa dei Mille” simbolicamente evoca la fine di un viaggio nella nostra storia: “Non casualmente – continua l’Assessore Sartirani - si consegna in modo diretto alle giovani generazioni che saranno protagonisti la mattina dell’11 novembre al Teatro Donizetti per ricevere premi a loro riservati dopo aver partecipato ad un importante concorso che li invitava a “leggere” le tracce del Risorgimento sul territorio bergamasco nell’ambito dell’attività didattica”.


L’obiettivo del concorso è stato quello di favorire la conoscenza e il confronto fra giovani generazioni sugli avvenimenti che ebbero luogo nel territorio bergamasco nel periodo storico dal 1848 al 1870, per un percorso di cittadinanza attiva, responsabile e condivisa all’interno della comunità civile : “L’intento – spiegano Teresa Capezzuto e Guglielmo Benetti, docenti di riferimento per l’Ufficio Scolastico Provinciale entro il Comitato- è stato quello di suscitare interesse e curiosità verso le discipline storiche, letterarie e artistiche a partire da un percorso condotto dagli studenti con i loro insegnanti. E’ stata promossa un’attività di ricerca storica e analisi delle varie fonti documentarie presenti nel nostro territorio. Il concorso è stato rivolto agli studenti delle scuole di Bergamo e provincia, frequentanti nell’anno scolastico 2010/2011 scuole primarie (classi quarte e quinte), scuole secondarie di primo grado (classi terze), scuole secondarie di secondo grado (classi quarte e quinte). Classi intere e/o gruppi di studenti della stessa scuola sono stati invitati a produrre un elaborato scritto (in forma, a scelta, di inchiesta giornalistica, saggio breve, lettera, diario) accompagnato da massimo tre disegni o fotografie inerenti il tema del concorso attraverso argomenti specifici. Il concorso ha suscitato notevole interesse e gli elaborati consegnati sono stati tutti di altissimo livello”.

L’evento si collega inoltre all’attività del Comitato Nazionale attraverso il restauro e la reinaugurazione di due storici monumenti a Garibaldi e Vittorio Emanuele II alle quali parteciperanno anche i giovani studenti dopo le premiazioni.

“La giornata dell’11 novembre – spiega Giuliano Ceccarelli che ha coordinato le attività del Comitato – conclude un anno nel quale le istituzioni collaborare per un tempo prolungato insieme alle associazioni e alle realtà del territorio, non dobbiamo scordarci di quanto imparato nel corso di questa straordinaria esperienza”.

Ruolo fondamentale ha avuto anche la Fondazione Bergamo nella Storia : “Il nostro Museo Storico – spiega Silvana Agazzi responsabile dei servizi educativi – ha visto un incremento delle visite e speriamo che i 13.200 studenti registrati in Museo quest’anno non siano qualcosa di episodico”.

La giornata del “Ritorno a casa dei Mille” si concluderà ancora al Teatro Donizetti con la musica, che tanto è stata protagonista degli anni della rivolta contro l’oppressione straniera da parte del popolo italiano : “Abbiamo organizzato un concerto – spiega Francesco Bellotto direttore artistico del Bergamo Musica Festival – che disegna un itinerario da Rossini a Verdi e con un’escursione nelle musiche di Nino Rota. Rossini è un artista che nel 1835 sceglie di andare a Parigi ed è apparentemente più vicino ai valori della Restaurazione che a quelli Risorgimentali. In quella città, però, come direttore artistico del Théâtre Italien commissionò ai giovani Rossini e Donizetti due opere dai temi forti come I Puritani e Marino Faliero sui libretti di Pepoli (esule mazziniano) e Bidera. Fu dunque un uomo di grande pensiero e di grandi relazioni. Nel concerto sentiremo delle canzoni esiti delle conversazioni, anche con esuli politici, che Rossini aveva intavolato nel proprio salotto.

Verdi è l’emblema della musica risorgimentale e noi vogliamo esaltare il suo spirito salottiero, creando un parallelo con Rossini, eseguento l’unico quartetto che il compositore di Busseto scrisse. Proprio un movimento di questo quartetto fu ripreso da Nino Rota per Il gattopardo.

Tutto si collega ancora una volta perché Rota è colui che scrive la musica per il grande cinema italiano che ha le sue radici nella tradizione operistica nazionale fatta di grandi musicisti, storie intense, ricchi costumi e scenografie, interpreti intensi”.

L’11 novembre è stato scelto come momento simbolico per segnare una tappa importante di un viaggio che continuerà ad interessare tutta la città ancora per molto tempo.

IL RITORNO A CASA DEI MILLE – 11 NOVEMBRE

Dalle 9.00 alle 15.00

Presso il quadriportico del Sentierone vi sarà lo stand delle Poste Italiane che emetterà l’annullo filatelico “Bergamo per i 150 anni”

Ore 9.30 Teatro Donizetti

Cerimonia di premiazione del concorso per le scuole “Fatti, personaggi e luoghi dell’Unità d’Italia in Bergamo e provincia (1848-1870)”

A cura del Comitato “Bergamo per i 150 anni”, dell’Ufficio scolastico territoriale - Ufficio X (Ex Provveditorato) della Fondazione Bergamo nella storia.

In collaborazione con Fondazione Banca Popolare di Bergamo

Ore 11.30 Piazza Matteotti

Cerimonia di inaugurazione alla presenza delle autorità dei monumenti a Giuseppe Garibaldi e a Vittorio Emanuele II restaurati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Unità Tecnica di Missione, in occasione del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia

 Ore 15.00 Casa Natale Gaetano Donizetti

Proiezione del film “Il gattopardo” di Luchino Visconti

Ore 20.30 Teatro Donizetti
Il Ritorno dei Mille.

Concerto per le Celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia.

Musiche su temi e atmosfere risorgimentali interpretate da "I Virtuosi Italiani".

Alberto Martini Primo Violino Direttore

Cinzia Forte Soprano

Nino Rota

Ballabili dal Gattopardo

Giuseppe Verdi

Quartetto in mi minore (versione per orchestra d’archi)

Gioachino Rossini

Soirées Musicales. Otto melodie per soprano ed archi

Commenti