Il Morandini 2012 è arrivato in libreria

Torna in libreria il Morandini, ossia il dizionario dei film firmato da Laura, Luisa e Morando Morandini edito da Zanichelli, ormai giunto alla sua 14a edizione.
Chiuso in redazione il mese scorso, il dizionario contiene oltre 24500 schede ed è arricchito da appendici ed elenchi assai utili. Il tutto in un volume di oltre 2040 pagine che può essere anche consultato direttamente dal computer grazie sia a un DVD-Rom, sia alla versione online (accessibile con licenza contenuta nel volume).
Le schede del dizionario non riportano “solo” i dati tecnici del film e la trama (come spesso accade in opere simili), ma anche il giudizio critico degli autori (e collaboratori), in questo modo andando oltre quelli che sono i dati che ci si aspetta comunemente di trovare in simili repertori. il Morandini è, quindi, a tutti gli effetti, anche una collezione di critiche (con le quali si può essere più o meno concordi).
Proprio perché il testo non contiene solo dati “tecnici”, anche in questa edizione alcune schede sono state riscritte, in quanto il giudizio degli autori sul singolo film è mutato. Un motivo in più, per gli specialisti, per collezionare le varie edizioni del dizionario...


Merita dire, a completezza di quanto finora esposto, che il DVD-Rom (sia per Windows, sia per Mac) consente la visione di oltre 7000 immagini (completamente assenti dal volume) oltre che una ricerca a tutto testo (e non solo per titolo del film) che si rivela molto utile soprattutto a specialisti, appassionati e semplici curiosi che vogliono approfondire alcuni aspetti.
Ad esempio, abbiamo cercato in quante schede appare la parola “Berlusconi” (26); quanti film usciti nel 2011 sono presenti nel dizionario (81); quanti tra quelli prodotti nel 2010 sono stati schedati (299); quante sono le schede dedicate al cinema “erotico” (108) e quanti i film la cui visione è sconsigliabile ai minori (1986).
La copertina del volume cartaceo quest’anno è dedicata ad Habemus papam di Nanni Moretti “il film più complesso e importante non soltanto di Moretti ma dell’intera stagione 2010-11” dichiarano gli autori nella Presentazione. Una dichiarazione che viene in parte corretta nella scheda dedicata al film, che si conclude con tali parole:
È forse il più importante, sicuramente il più ambizioso film di Moretti, ma non il più riuscito perché viziato dal suo narcisismo, quello per esempio che gli fa trascurare l'ex moglie psicoanalista di Brezzi e lo fa dilungare troppo nel torneo di pallavolo.
Giudizio (come tutti i giudizi) con il quale, si ripete, si può o meno concordare. Ciò non toglie che il Morandini resta uno dei dizionari dei film che non può mancare nella biblioteca di un vero cinefilo.