Osservare e conoscere il Teatro Donizetti

Una piccola guida per conoscere meglio il cuore sociale della cultura bergamasca. Parliamo di Teatro Donizetti, la guida che Andreina Moretti ha curato per Little Mercury Edizioni, nella collana PetitMuseum: si tratta di un ciclo di agili volumetti (una trentina di pagine, in formato più che tascabile) dedicati a musei, chiese, palazzi e altri luoghi d'interesse storico, rivolti a un pubblico di viaggiatori e visitatori desiderosi di rapide informazioni essenziali. L'opuscolo sulla storica sala cittadina è stato presentato venerdì pomeriggio al Salone Riccardi del Donizetti.
Andreina Morettida sempre vive per e in Teatro, nella sua storia vi sono l'adesione al Teato Tascabile dal 1965, la realizzazione della Biblioteca dello Spettacolo per il Comune di Bergamo, mostre e cicli d'incontri. Memoria storica e soprattutto anima sensibile con sguardo attento, Andreina Moretti è dunque la guida ideale per descrive scorci preziosi e particolari del Teatro DOnizetti.
Il libro PetitMuseum – la cui idea nasce dall'iniziativa dal Teatro Donizetti e dell'assessorato alla Cultura – punta a valorizzare il massimo teatro municipale al di là del pubblico specialistico e della semplice proposta spettacolare. II volumetto (pubblicato anche in inglese) è anche un pregevole saggio architettonico e un piccolo scrigno d'arte visiva.
«Spesso guardiamo senza vedere», ha spiegato Moretti nel corso della conferenza-stampa, a cui hanno presenziato anche l'assessore Claudia Sartirani e, fra il pubblico, il nuovo consulente alla stagione di prosa, Luigi Ceccarelli. «Questa piccola guida – prosegue Moretti – vuole offrire uno stimolo a conoscere meglio ciò che ci circonda». Così Teatro Donizetti ripercorre velocemente la storia del teatro cittadino, che ben rispecchia la storia della città. E, al tempo stesso, focalizza l'attenzione sulle opere che esso contiene, come l'affresco sul soffitto della platea di Francesco Domenighini o il dipinto di Alberto Maironi in Salone Riccardi.