Glasstress: confini di ricerca per l'arte del vetro

Resti di lavorazione, gocce, filamenti colorati, aguzzi lacerti vitrei, superfici specchianti e un itinerario nell’arte del vetro, attraverso opere di grandi artisti, che Adriano Berengo ha costruito (nel doppio allestimento di Palazzo Cavalli – Franchetti e della Scuola Grande di San Teodoro a Venezia attorno al tema della Biennale di quest’anno: “la costruzione di nuovi mondi”.
Uno spunto, per un suggerimento, volto a proporre un esperimento di immaginazione di un mondo altro, un contesto dove il vetro, grazie all’idea di grandi artisti internazionali, riesca a mostrare tutte le sue potenzialità.
La mostra, raccogliendo le esperienze di una serie di artisti contemporanei internazionali, si propone di individuare un percorso di studio e di critica, in grado di fornire l’opportunità di espandere i confini di questo materiale e fare del vetro di Murano un nuovo strumento espressivo.
Il filo conduttore dell’esposizione è il rapporto tra l’artista e il vetro, il confronto con le caratteristiche e i vincoli tecnici imposti dal materiale, il dialogo tra il pensiero dell’ideatore e la mano del maestro.
L’opera è il risultato del connubio tra l’idea dell’artista e il lavoro del maestro vetraio: la sintesi di saperi, conoscenze ed esperienze diverse, attraverso le quali vi è l’approdo ad un nuovo linguaggio espressivo.
Il vetro si esplica come il materiale che da sempre è apprezzato per la sua duttilità, per le caratteristiche fisiche inalterabili e la ricchezza espressiva delle forme ma che, nel corso dei secoli, ha dovuto esercitare grandi pressioni e compiere enormi sforzi - quello ‘stress’ di cui si parla nel titolo - per liberarsi dai cliché che lo imprigionavano e relegavano ad ambiti e utilizzi limitati.
La sua presenza nel mondo dell’arte contemporanea è una conquista relativamente recente, ed essenzialmente dovuta alla sua specificità, fatta di resistenza e fragilità, trasparenza e opacità.
Questo liquido sottoraffreddato, che si risolve in una trama geometrica, si è rinnovato sotto il profilo tecnico grazie al ricorso a processi sperimentali e, talvolta, al geniale riutilizzo di materiali di recupero.
L’esposizione si presenta come uno dei più originali eventi collaterali della 53 Esposizione Internazionale d’Arte La Biennale di Venezia.
Organizzata dal Mjellby Konstmuseum di Halmstad (Svezia) in collaborazione con Berengo Studio 1989 di Murano-Venezia, la mostra presenta le opere di 45 tra i più conosciuti artisti contemporanei - da César a Tony Cragg, da Lucio Fontana a Dan Graham, da ORLAN a Joseph Kosuth, da Man Ray a Jean Arp, a Louise Bourgeois ad altri ancora - che si sono confrontati nell’arco della loro carriera con la tecnica vetraria.
La Scuola Grande Confraternita di San Teodoro ospita la grande installazione “Unicorno” dell’artista belga Koen Vanmechelen.
Gli artisti presenti in questa esposizione sono entrati in contatto solo saltuariamente con il mondo del vetro ma proprio per questo, sposandolo ad altri materiali, hanno ottenuto risultati originali e innovativi. Fin dagli inizi dell’arte contemporanea, non soltanto a Venezia e anzi soprattutto fuori Venezia, sono stati numerosi i pittori ed anche i designer che si sono cimentati nell’arte della vetrata da Henri Matisse, che tra il 1949 ed il 1951 ne concepì alcune dai colori mediterranei come parte integrante della Chapelle du Rosaire progettata a Vence nelle Alpi Marittime francesi, a quel supremo colorista che fu Marc Chagall,  fino all’architetto razionalista Le Corbusier,. Oggi il vetro è invece fonte d’ispirazione per  il binomi arte- nuove tecnologie come nel caso della nitida animazione dal suon di cristallo dell’artista coreano Hye Rim Lee, Crystal City Spun, 2008 che, tra opere di Arp, Fontana e altri grandi, lancia vibranti bagliori di futuro.

Dal 6 giugno al 22 novembre 2009,
Venezia: Veneto di Scienze Lettere ed Arti - Palazzo Cavalli Franchetti e la Scuola Grande Confraternita di San Teodoro.

GLASSTRESS

Progetto ideato e organizzato da: Adriano Berengo con la consulenza di: Laura Mattioli Rossi e Rosa Barovier Mentasti

Artisti: Josef Albers, Arman, Jean Arp, Barbara Bloom, Louise Bourgeois, Sergio Bovenga, Daniel Buren, Lawrence Carroll, César, Soyeon Cho, Tony Cragg, Marie Louise Ekman, Jan Fabre, Lucio Fontana, Francesco Gennari, Dan Graham, Richard Hamilton, Mona Hatoum, Hye Rim Lee, Charlotte Hodes, Mimmo Jodice, Marya Kazoun, Joseph Kosuth, Jannis Kounellis, Raimund Kummer, Federica Marangoni, ORLAN, Jean Michel Othoniel, Luca Pancrazzi, Anne Peabody, Giuseppe Penone, Anton Pevsner, Bettina Pousttchi, Robert Rauschenberg, Man Ray, Rene Rietmeyer, Silvano Rubino, Sandro Sergi, Kiki Smith, Jana Sterbak, Lino Tagliapietra, Koen Vanmechelen, Fred Wilson, Kimiko Yoshida, Chen Zhen.

Luogo: Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti, Palazzo Cavalli Franchetti, Campo Santo Stefano, Venezia
Scuola Grande Confraternita di San Teodoro, San Marco 4810, Venezia

Periodo: 6 giugno-22 novembre 2009 Orari: 10.00-18.00
Ingresso: 5,00 euro Catalogo: Edizioni Charta

Informazioni e prenotazioni: tel. 041739453 / 0415276364

Commenti