Una saggia e rispettosa ironia

Una saggia e rispettosa ironia ha introdotto con garbo il grande jazzista Uri Cane, sabato 23 maggio, nelle musiche di Anton Diabelli (con le sue Variazioni su tema di Ludwig van Beethoven) e su Variazioni attorno a La fille du Régiment, Ouverture “Amici miei che allegro giorno” e “ Convien partir” di Gaetano Donizetti per il concerto voluto dalla Fondazione Donizetti presso il rinnovato Teatro Sociale di Bergamo. Sul palco dell’antico teatro, recuperato da pochi giorni nel cuore di Città Alta, Uri Cane ha portato la sua lettura alternativa, delicata, rispettosa eppure rivoluzionaria. Quella di Cane è stata la nuova tappa, presentata in anteprima mondiale nel secondo tempo del concerto, di una produzione che il pianista americano ha costruito per creare inediti ponti tra generi musicali. Insieme all'Orchestra del Bergamo Musica Festival, diretta da Carlo Tenan, Cane ha reso la serata una vera occasione di spettacolo sia uditivo che visivo. Il suo gesto a volte sommesso, altre più esplicito, ha coinvolto gli spettatori con guizzi sornioni e divertii del viso, tocchi delicati sulla tastiera alternati ad improvvisi picchiettii sul fianco dello strumento, e ancora a scale di note cadenzate con decisione utilizzando le nocche e il peso delle mani. A volte rilassato, quasi molle, Cane accompagnato dall’ottimo suono dell’Orchestra ha colto in contropiede più volte il pubblico con riprese di slancio inaspettate, con l’uso delle mani come percussioni, con il volere sperimentare uno starnuto come strumento. In un morbido ritmo alternato tra l’effetto acustico degli archi e le note più cristalline del pianoforte, il concerto ha preso una coinvolgente forma narrativa capace di spingere ad un ascolto agile e curioso, sia gli spettatori che gli orchestrali presenti sul palco, in un collettivo spazio di apertura. Con geniale e rispettosa incursione Cane si è inoltrato nella partitura della prima opera francese di Donizetti, appositamente scritta per essere rappresentata a Parigi, e interpretato la parodia beethoveniana del tema di Diabelli. Tecnica e pensiero alternativo si sono fusi nei tratti del jazz e della classica, in una contaminazione multiculturale e innovativa: contemporanea.

Commenti