Paolo Poli e l'immaginario di Parise

E’ stato un vero caleidoscopio poliedrico Paolo Poli sul palcoscenico del Teatro Donizetti di Bergamo, il 17 marzo, con il suo spettacolo volto alla scoperta dei Sillabari di Goffredo Parise.
I Sillabari sono piccoli poemi in prosa scritti alla metà del secolo scorso  che si caratterizzano per l’immediatezza quasi infantile del racconto, per la magia umile dei personaggi, dalla quale Poli si è lasciato trasportare nel pieno dell’estro semplice dello scrittore vicentino, offrendo una panoramica dei sentimenti in ordine rigorosamente alfabetico.
Il testo, della quale si sente forte la radice scritta (sembra infatti quasi di vedere la punteggiatura tra le labbra degli attori), mostra bambini stupiti in un mondo ambiguo, vecchietti arrabbiati in una società allo sbaraglio, donne sole dal quieto bovarismo periferico e uomini ancora ingenui nella lotta per la sopravvivenza. Poli ci ha mostrato quell’Italia che cambiava velocemente nelle maglie di una lunga guerra e dava origine al bel paese.
Lo spettacolo ha saputo disegnare le figure dei racconti articolati fra gli anni Quaranta e Sessanta, cui hanno fatto eco le canzonette con la loro modesta letteratura, quasi scomposta, ma pertinente alla realtà storica.
Paolo Poli è stato l’interprete adatto a rappresentare l’immaginario di Parise. I due usano infatti come arma espressiva la stessa semplicità, utile a smascherare il sentimento che si nasconde dietro una quotidianità fatta di sola apparenza.
Le ambientazioni di Emanuele Luzzati e ci hanno portato nel pieno di un itinerario storico artistico lungo tutto il ‘900 che nell’ordine ci ha mostrato preziosi fondali proprio di Luzzati, alcuni ispirati alle opere Liberty e altri a quelle di grandi come l’architetto Sant’Elia, De Chirico, Chagall, Carrà, Savinio, De Pisis, Dalì, Mondrian, Hopper.
I costumi, strutturati con stoffe corpose e preziose, di Santuzza Calì ci hanno aperto l’armadio di una moda giocata sulla costante presenza dei cappelli, delle balze, delle gonne e dei colori che hanno preannunciato il pirotecnico bis dannunziano.

Commenti