Lorenzo e la maturità

È arrivato in libreria, edito da BUR senzafiltro, il libro + DVD di Corrado Guzzanti e Serena Dandini dal titolo Lorenzo e la maturità
Il prodotto editoriale ripropone all’attenzione del pubblico un personaggio, Lorenzo appunto, nato nel 1993 all’interno della fortunata trasmissione televisiva Avanzi e che divenne, con Serena, protagonista di un altro spettacolo televisivo del 1993: Maddechéahò, nel quale Lorenzo e Serena si preparano per l’esame di maturità. Ed è da questa trasmissione che sono tratti i brani del DVD, mentre nel libro sono presenti anche i testi di altri interventi di Lorenzo in varie trasmissioni TV. 
Chi era Lorenzo? Lorenzo, può sembrare strano, era un personaggio che Guzzanti e la Dandini avevano pensato come negativo, ma che, invece, fu subito amato dal pubblico che vi vide un innocuo ragazzo disadattato che ispirava tenerezza. Ecco, allora, che i due autori dovettero cambiare rotta e fare di Lorenzo un personaggio positivo, pur facendolo restare un adolescente problematico. Un adolescente alle prese con l’esame di maturità al quale arriva con una preparazione a dir poco raccogliticcia. 
L’unico argomento in cui Lorenzo spera e a cui affida tutta la sua vita di maturando è Leopardi. Leopardi in letteratura; Leopardi in storia; Leopardi in geografia e così via. Forse l’interesse per Leopardi dimostrato da Lorenzo nasce dal fatto che il poeta di Recanati era gobbo, esattamente come molti dei protagonisti dei filmacci splatter amati dal ragazzo illetterato. 
Ad ogni modo, Serena, impeccabile trainer di Lorenzo, si impegna nell’impresa titanica di insegnare al giovane qualcosa per ognuna delle materie da portare all’esame e gli fornisce validi e assennati consigli su come affrontare l’esame. Consigli rivolti direttamente anche al pubblico televisivo, dato che il programma di studi di Lorenzo è a cura del dsche (evidente storpiatura del DSE, ovvero del Dipartimento Scuola ed Educazione della RAI). 
Maddechéahò non è un programma televisivo che entrerà nella storia della televisione italiana, ma, ad ogni modo, rivederne alcuni spezzoni fa ancora sorridere, grazie alla bravura interpretativa di Serena Dandini (un adulto responsabile alle prese con la preparazione didattica di un figlio non suo) e di un adolescente problematico più attratto dai videogiochi e dalla televisione, piuttosto che dalla cultura e dal sapere.

Commenti