Post

Toulouse-Lautrec grande comunicatore

Henri de Toulouse-Lautrec più che grande artista fu comunicatore di genio. Probabilmente, vivesse oggi, sarebbe a capo di un’importante agenzia di pubblicità e, a dispetto del suo corpo infelice, sarebbe un influencer in prima persona. A Toulouse-Lautrec Palazzo Reale di Milano dedica una grande mostra monografica (Il mondo fuggevole di Toulouse-Lautrec) aperta fino al 18 febbraio 2018.
L’esposizione, curata da Danièle Devynck e Claudia Beltramo Ceppi Zevi, presenta al visitatore oltre 200 opere di Toulouse-Lautrec, tra cui i celebri 22 manifesti. Opere spesso di proprietà di collezionisti privati e, perciò, difficilmente mostrate al pubblico. Un’occasione, dunque, da non perdere per poter conoscere meglio l’arte, ma soprattutto la figura di Toulouse-Lautrec, appartenente a due delle più nobili famiglie francesi, ma frequentatore e amico intimo di artisti, attori e prostitute. Un mondo al margine ed eccessivo, quello vissuto da Toulouse-Lautrec, che ne ispirò l’opera, sia dal lato dei conte…

I capolavori di Caravaggio a Milano

Robert Doisneau | Il piacere di guardare

Il Lotto della Casa di Loreto a Bergamo

Blade runner 2049 | Strepitoso Ryan Gosling

Non solo i Bronzi di Riace

La personalità complessa di Sherlock Holmes

Un saggio in forma di romanzo

La prima versione de Il Ritratto di Dorian Gray

Il fiuto di Verlaine

Salone del Libro #30

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

L'Amleto di Ian McEwan